Questo sito utilizza cookie al fine di migliorare i servizi offerti e l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare sul sito, accetti il loro utilizzo. Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy.  

FAQ  |  LINKS AMICI  |  LOGIN  |  REGISTRATI

Tutte le ipnosi in diretta

Elenco completo news

Swiss-Italian Antiaging Neuron Centre

(16/07/2017)

Sono felice di comunicarti che la mia collaborazione con il  Genoma Group, il laboratorio genetico romano più importante d’Europa e con il Labor Team, la...

Tutte le news e gli articoli

Non si smette mai di conoscere ed evolversi, di aprire gli occhi sulla realtà, di imparare e crescere, anche quando ci si sente stanchi di vivere; la Vita rimane sempre qualcosa di misteriosamente unico e irripetibile.

(Vicking)

Tutti i garriti

I libri del Dr. Bona L'Arte della levatrice, l'ipnosi evocativa della vita prenatale.

Buona lettura!

Il palpito dell’Uno, l’ipnosi regressiva e i colloqui con gli Spiriti Maestri

L'incontro del dottor Bona con un paziente, Davide, senza alcun problema psicologico, apre scenari insospettati sulla dimensione dell'anima. La trance ipnotica di questo paziente-non-paziente sfocia in territori oltre confine, ove altissime Guide Spirituali affrontano i grandi temi dell'umanità: l'Amore, la società contemporanea, la morte, la meditazione, il male, la malattia, il tempo.

Nel nome dell'Uno

«Parlare con un Angelo che affiora dalla trance é certamente un’esperienza mozzafiato, una comunicazione che va oltre le parole e che coinvolge ogni registro vibrazionale: la mente, l’anima e il cuore.» Così Angelo Bona, psicoterapeuta e anestesista, descrive le straordinarie esperienze di channeling di una sua nuova paziente “astronave” dell'Uno.

Il profumo dei fiori d’Acacia, l’ipnosi regressiva e la via del Samadhi

Lungo il cammino di ritorno a noi stessi, le vite assopite nel cuore si destano e raccontano un raggio di luce che conduce a Dio, seguendo l'essenza dell'uno: il profumo dei fiori d'acacia. L'esposizione di casi clinici reali e la loro attenta interpretazione si inseriscono in una sintesi unitaria, dove il nucleo simbolico dell'acacia rappresenta un'importante chiave di lettura.

Cerca la tua immortalità. L’ipnosi regressiva: una via per l’eternità.

Un resoconto emozionale che rievoca, accanto alle vite dei pazienti, le esperienze di vita dirette dell’autore, dalla sua nascita difficoltosa, durante la quale si trovò molto vicino alla morte fino alla scoperta di come l’ipnosi regressiva possa aiutare a riconoscere ferite appartenenti a esistenze precedenti, ricordi perduti nell’oceano dell’inconscio fondamentali per guarire dalle sofferenze della vita presente.

Due cuori un'Anima Unica, l'ipnosi regressiva e il segreto di Noi-Amore

Studiando uno dei suoi pazienti attraverso l’ipnosi regressiva il professor Bona ci conduce in questo suo nuovo libro in un viaggio alla scoperta della poco nota civiltà sumerica, e ce ne svela i segreti, i riti religiosi e le loro tradizioni e l’antica sapienza.

Tutti i libri del Dr. Bona

Ipnosi

Ipnosi - cos'è, la storia e le sue forme

L'ipnosi è una condizione psichica indotta da un operatore esterno o autoindotta (autoipnosi), caratterizzata da uno stato psichico denominato trance.

L'ipnosi è uno stato non valutabile come intermedio tra veglia e sonno, bensì dotato di una caratterizzazione propria sia neurofisiologica che di neuroimaging.

Molti ritengono che l'ipnosi sia un mezzo per inibire le capacità critiche, aumentare la suggestionabilità e limitare l'attenzione.  Cio' non è assolutamente vero. Allo spegnersi della coscienza razionale e delle facoltà cognitive volte all'osservazione ed alla elaborazione del mondo esterno, si attiva invece una facoltà attentiva volta al Sè e alla ricerca psicologica e spirituale interiore.

Esiste quindi una IPNOSI-DESTOSI: il soggetto si decontestualizza spazio - temporalmente dal mondo oggettivo e si risveglia progressivamente nella trance coscienziale che lo fa accedere al Sè.

 

Ipnosi spirituale

Socrate con il suo famoso "conosci te stesso" è l'esempio piu' eclatante  di chi educa i discepoli alla trance-maieutica, cioè alla ricerca della propria verità spirituale. Maieutica viene dal greco maieutiké e letteralmente significa "l'arte della levatrice" e il concetto viene esposto da Platone nel Teeneto. Cio' consentiva a Socrate di "tirar fuori" dall'allievo i contenuti ed i rimossi  personali, psicologici e spirituali.

Questo importante distinguo deve compiersi quindi tra le due facce dell'ipnosi: quella inibente e coercitiva che considero "cattiva ipnosi" ove si assiste ad una dannosa robotizzazione passiva dei soggetti molto pericolosa da un punto di vista psicopatologico ed una "buona ipnosi" che risveglia la ricerca spirituale interiore e permette di accedere alla conoscenza del Sè. I media sono infarciti di "cattiva ipnosi" di spettacolarizzazione del soggetto, che viene esposto ad un pubblico come pupazzo incosciente ed esecutore di ordini spesso degradanti ed eticamenti contrari a qualunque significato di cura.

 

Storia dell'ipnosi

Evito di dettagliare i sempiterni padri dell'ipnosi quali  F.A. Mesmer che parlava di fluido magnetico. Non mi dilungo su J. Braid che inaugurò il metodo dell'induzione verbale. Accenno solo a J.M. Charcot e della sua distinzione tra letargo, catalessi e sonnambulismo.

Giungo a S. Freud che si interesso' dello "stato ipnoide" inteso come scissione della sfera psichica e origine delle manifestazioni isteriche. Freud quindi interpretava l'ipnosi come la manifestazione di un quadro isterico in un soggetto predisposto. Il padre della psicoanalisi utilizzava un'ipnosi coercitiva e inibente e naturalmente priva di qualunque ricerca spirituale. Portava pertanto i soggetti ad uno stato di semincoscienza afinalistico non aprendo la porta della socratica ricerca del Sè. L'anima restava chiusa e la trance abortiva producendo effetti instabili e non terapeutici. Fu così che abbandonò il metodo divenendo anche un detrattore della metodologia.

 

L'induzione ipnotica

C'è chi sostiene che l'ipnosi è un abbandono sotto il "controllo" dell'ipnostista: niente di piu' erroneo. L'ipnosi, meglio dire la trance, è una scelta di libero arbitrio soggettivo che concede al singolo l'apertura della porta del Sè. Sè inteso come anima.

E' veramente risibile leggere come illuminati autori descrivono l'induzione ipnotica: pendolini, fissazioni di oggetti ecc. La descrizione dovrebbe corrispondere al termine "imbambolamento" e non ipnosi, che deriva sì dal mitologico dio del sonno Hypnos, ma che intende come dicevo poc'anzi un "sonno del mondo" ed un "risveglio del mondo dell'anima".

In trance si realizza una  riduzione della afferenze sensoriali, ma non comprendo chi sostiene che si manifesti un orientamento "allucinatorio". Semplicemente in ipnosi si apre la porta al sesamo dell'Uno. Il paziente si mantiene o meno in una condizione di restrizione della motilità e anche in trance profonda non è sempre catalettico, ma può attuare movimenti propri.

Gli stimoli monotoni e ripetitivi che taluni autori descrivono nell'induzione ipnotica non corrispondono alla pratica dell'ipnosi spirituale. Non solo non esiste monotonia, ma al soggetto occorre rivolgere poesia e metafore, sineddoche e metonimie per comunicare con i codici dell'inconscio spirituale. Ancora chi parla di "impoverimento ideativo" non ha la più pallida idea della messe, dell'enorme patrimonio simbolico e dei contenuti esistenziali e karmici che possono emergere dall'ipnosi.

L'induzione è quindi sempre un'autoinduzione facilitata dalla presenza del terapeuta che deve rimanere una guida esterna, concedendo al soggetto una piena autonomia di ricerca spirituale.

 

Lo stato ipnotico

Durante la "cattiva ipnosi" taluni induttori paranoici e con gravi turbe psicopatologiche possono cercare coercitivamente di modificare le funzioni dell'Io con condizionamento dell'ideazione e induzione di sogni su comando e manipolazione di opinioni. Questo non ha nulla a che fare con la buona terapia ipnotica che non induce sogni, non manipola idee, non induce criptomnesie e contenuti forzosi nell'inconscio dei soggetti. Leggendo la letteratura mi stupisco della critica ancora arcaica e medioevale ove l'ipnosi è paragonata ad una metodica stregonesca e a rituali magici. Pregherei tali autori di dedicarsi veramente all'ipnosi e non alla caccia alle streghe. Li pregherei non solo di descriverla da lontano presupponendone una conoscenza innata (anamnesi socratica), ma di calarsi prima nella esperienza vissuta. L'onniscenza è un pericoloso sintomo psicotico: il delirio di paranoia.

Anche sul transfert ipnotico devo dire la mia. Leggo che l'ipnotizzato è "incapace di qualunque attività ed attende dall'induttore i comandi". Ciò mi conferma che molti critici dell'ipnosi non sanno assolutamente nulla dell'argomento che descrivono con dovizia di particolari. Si afferma ancora che l'attenzione divenga selettiva sulla voce dell'ipnotizzatore. Nulla ancora di più falso. Uno dei dettami dell' ipnosi profonda è proprio richiedere al soggetto di non concentrarsi sulla voce del trainer, ma sul proprio Sè e sulla propria voce interiore: la voce del daimon socratico.

Si accenna anche nella critica all'ipnosi che il soggetto può assumere ruoli inconsueti, comportamenti di età trascorse o tratti di altre personalità. Queste valutazioni sempre molto negative denunciano un'inquietudine di fondo degli esegeti dell'ipnosi, colleghi o intellettuali che siano. Due pulsioni ricorrono nella detrazione e nella spietata lapidazione dell'ipnosi: la prima è la totale incoscienza della metodologia e la seconda è il rifiuto a priori della disciplina lanciando strali e crucifige. Penso che questa chiusura sottenda la tutela commerciale di accademie fobiche di perdere preziosa clientela.

Anche la considerazione sull'affioramento di personalità multiple in ipnosi viene tacciato di isteria e smaltito in poche battute. Fa troppa paura pensare che la profondità dell'uomo sottenda come da greca memoria esistenze molteplici che Pitagora, Socrate e Platone affermavano nei loro mirabili testi. Non ritengo che si possa sancire scientificamente la reincarnazione e quindi anche l'ipnosi regressiva, ma avverto nelle cesoie della critica accademica una verve ed una squalifica economiche sempre troppo categoriche e inconsapevoli.

Lo stato ipnotico puo' giungere in trance profonda a inibire completamente il rapporto con la realtà esterna ed il soggetto al risveglio potrà manifestare una amnesia post ipnotica non rammentando i contenuti della trance appena trascorsa.

 

Lo stato post-ipnotico

Dopo il temine della trance il soggetto può essere in grado di compiere compiti che gli sono stati assegnati durante il periodo ipnotico e di non conservarne coscienza per quanto riguarda l'ordine impartito. Lo stesso soggetto si stupisce dell'azione che compie. Ciò in mani ed in menti non etiche può rappresentare un vero plagio di coscienza e non rientrare assolutamente in un orientamento terapeutico.

 

La recettività ipnotica

Non tutti i soggetti sono ipnotizzabili e un 20% delle persone stentano ad essere indotte in ipnosi. Coloro che si affidano, che possiedono un pensiero immaginifico incline al sogno e alla poesia sono più inducibili. Coloro che possiedono un pensiero ipercritico e stentano a perdere l'autocontrollo devono essere condotti alla trance con un training iniziale.

Esistono poi soggetti cosiddetti "virtuosi" che manifestano un'immediata capacità di essere indotti in stato ipnotico profondo manifestando fenomeni eclatanti di trance simili a ciò che accadeva a Delfi nell'antica Grecia. La Sibilla Cumana, la Pizia che sul tripode vaticinava oracoli, possono essere risvegliate anche se raramente dall'inconscio di soggetti particolarmente propensi alla trance.

Stiamo studiando all'IRCCS don Gnocchi di Milano* questi soggetti particolarmente dotati definiti "virtuosi" tramite la risonanza magnetica funzionale, lo studio eletroencefalografico, lo studio dei recettori di serotonina sui linfociti e l'analisi psicologica e psichiatrica dell'ipnosi profonda.

*Consciousness and Cognition 24 February 2011. Altered and asymmetric default mode network activity in a ‘‘hypnotic virtuoso’’: An fMRI and EEG study.
S. Lipari,  F. Baglio, L. Griffanti, L. Mendozzi, M. Garegnani,  A. Motta,  P. Cecconi, L. Pugnetti.
The authors gratefully acknowledge Angelo Bona (MD, anaesthesiologist and psychotherapist, member of the American Society of Clinical Hypnosis and president of A.I.I.Re.), a valued collaborator with extensive experience in hypnosis induction.

 

Ancora è stato compiuto dall'equipe dell'Istituto IRCCS Don Carlo Gnocchi un lavoro a cui ho partecipato e che è stato presentato al III Congresso Nazionale di Neuroradiologia Funzionale 2015 e che anticipa la presentazione dell'importantissimo studio compiuto per cinque anni sui cinque virtuosi del quale non posso assolutamente anticipare gli immensi risultati.

Alterazione della connettività funzionale a riposo nella default mode network in ipnosi: studio multimodale fMRI e EEG in 5 soggetti virtuosi.

 

Le ipotesi interpretative dell'ipnosi

 

Le ipotesi che svalutano l'ipnosi

Ipotesi di Rappaport: Rappaport parla di "coscienza modificata" simile al sogno, alla fantasticheria, al processo ipnagogico, al vagabondaggio. Questo ci fa capire che da sempre la critica dell'ipnosi è radicale e negativa.

Ipotesi di H. Harttmann: egli interpreta l'ipnosi come una riduzione di un'autonomia dell'Io, con conseguente invasione di contenuti inconsci.

Ipotesi di R.H. Rodhes: la mente umana funzionerebbe in ipnosi secondo schemi protopatici o  primitivi tipici del pensiero magico. Idee fantastiche e svincolate dal principio di realtà vengono accettate in ipnosi come vere.

 

Le ipotesi che valorizzano l'ipnosi

Secondo M. V. Kline l'ipnosi risulta particolarmente indicata nello studio della personalità del soggetto sia da un punto di vista sperimentale che da un versante clinico. L'ipnosi concede un accesso rapido all'inconscio favorendo l'indagine sui meccanismi di base della condotta umana psicopatologica ed anche sana. L'ipnosi  è un mezzo fondamentale di studio e di ricerca utilissimo alla ricerca ed alla interpretazione della picologica dinamica dell'inconscio.

J.M Schneck ravvisa una rassomiglianza tra il sogno notturno e il sogno ipnotico che rietiene interconnessi e reciprocamente interpretabili durante il percorso ipnoanalitico.

Mariani Ramirez considera importante lo studio dei sogni ipnotici a fini diagnostici e terapeutici.

Huston, Shakow ed Erickson confermano in accordo con Luria che non sempre i conflitti suggeriti al soggetto ipnotizzato vengono accettati e cio' contraddice le ipotesi che valutano l'ipnosi come una metodica che induce riduzione dell'autonomia dell'Io.

 

L'ipnosi come mezzo di indagine clinica


L'ipnosi puo' essere fondamentale per chiarire la genesi e la dinamica dei sintomi. L'impiego della psicodiagnostica permette l'emersione di contenuti inconsci e subconsci la cui presa di coscienza puo' essere utile a fini terapeutici.

Il soggetto che è sottoposto ad ipnosi medica rimane dotato del suo libero arbitrio e collabora con l'ipnologo consapevole che non verrà richiesto un compito inacettabile all'Io.

L'ipnosi amplia la potenzialità della psicodiagnostica estendendo la possibilità interpretativa dei vissuti emersi. Cio' è fondamentale in quanto la trance non rappresenta solo una metodica di raccolta e di disvelamento di conflitti latenti, ma anche un primo tempo che deve necessariamente essere seguito da una seconda fase di interpretazione e di elaborazione psicodinamica.

 

L'abreazione

Durante l'ipnosi si possono manifestare reazioni emotive intense che si manifestano con il pianto, il riso, l'arossire, il manifestare reazioni neurovegetative, il mutare la profondità e la frequenza respiratoria ecc. L'abreazione è una scarica emozionale avente una funzione terapeutica catartica e cioè di purificazione. Abreazione è un neologismo derivato dal tedesco ab che allude a "lontano da"  e reagieren "reagire". Significa quindi "rivivere liberando una emozione" in un tempo successivo a quando si è prodotta la prima volta. Catarsi invece deriva dal greco  kathàiro: io pulisco, purifico.

 

Ipnosi Ericksoniana

Milton H. Erickson (Aurum, 5 dicembre 1901 - Phoenix,  25 marzo 1980): psichiatra statunitense che concepisce l'inconscio come un universo amico che, se non interferito conduce il soggetto al bene e all'equilibrio psicologico ed esistenziale. Erickson è l'indiscusso padre della moderna ipnosi clinica e della psicoterapia strategica e breve. L'inconscio ericksoniano non è un Sè spirituale, ma una intima sfera coscienziale che salvaguarda l'individuo.
 

Ipnosi regressiva, ipnosi evocativa o ipnosi rievocativa.

La trance, dal latino transire (attraversare, passare) è realmente lo stato psicofisiologico e aggiungo volentieri spirituale che concede all'Io la "transizione" nel Sè. Nella antica India la pratica del Raja Yoga proveniente dall' ancestrale cultura vedica, già conosceva questo fluire del piccolo ego nel mare magnum dell'Uno. Patanjali autore degli Yoga Sutra,  vissuto tra il IX e il IV secolo a.C  scrive i dettami di quella che poi ai nostri giorni si identificherà nella pratica dell'ipnosi spirituale. La pratiprasavah del grande filosofo indiano intesa come nascita a ritroso o riassorbimento al Sè coglie il sinolo, la congiunzione della tradizione indiana con la radice greca di Delfi. Le pratiche degli yogi meditativi si fondono con le fumigazioni rituali della Pizia che vaticinia il sempre.

 

L'ipnosi evocativa

Ho praticato per trent'anni l'ipnosi regressiva guidato da un grande Maestro, il primo che la definì tale ed il più scrupoloso scienziato spirituale che esista al mondo: il mio caro amico Prof. Raymond Moody. Sono stato il primo medico italiano a praticare ipnosi regressiva. Ho indotto credo almeno cinquantamila pazienti in ipnosi regressiva. Non mi sono per anni accorto che la definizione di "ipnosi regressiva" fosse fuorviante. In effetti parlando con lo stesso Raymond proposi un termine innovativo da lui accolto con entusiasmo: ipnosi evocativa. Proposi questa modifica in quanto valutai quanto l'inconscio fosse atemporale e non dotato di una cronologica divisione tra passato, presente e futuro. Considero l'ipnosi evocativa l'evoluzione etica e professionale della ormai degradata ipnosi regressiva divenuta una disciplina soltanto spettacolare, teatrale e non terapeutica. Credo con profonda fede nelle potenzialità di cura psicoterapeutica e spirituale dell'ipnosi e ho deciso di differenziarmi anche per motivi etici dal mondo degenerato dell'ipnosi regressiva. Oggi l'ipnosi regressiva è totalmente fuori controllo etico e qualsiasi persona senza titoli può tentare di aprire uno studio con enorme potenzialità di danneggiare gli ignari  e i creduli che a lui si rivolgono.

 

La AMIRE di cui sono il Presidente è la sola Associazione Medica Ipnosi Ricerca Evocaviva che in Italia rilascia diplomi ai soli medici e psicoterapeuti dopo un serio Master di tre anni escludendo altre persone prive di tali titoli di base, cosa che non accade ad illegali Scuole di Ipnosi Regressiva che abilitano frettolosamente chiunque. Ma ritorniamo a parlare del TEMPO.

 

Oggi concordo pienamente con la concezione di Socrate dell'esistenza di un "eterno ora", di un "sincronico adesso". Dall'inconscio non spunta mai il "passato", ma il "passato presente" come direbbe il genio di Sant'Agostino. Ancora meglio per Socrate il tempo assoluto era una astrazione. se il passato non esiste, il futuro nemmeno, anche il presente diviene un tempo non tempo, una dimensione astratta e indefinibile come unità di misura.

 

La stessa fisica quantistica nega l'esistenza del "tempo lineare" e le concezioni di Luis Pauling e di David Bohm si sposano perfettamente con la  visione condivisa anche da nonno Jung di un inconscio atemporale.


Non esistendo un "tempo dell'inconscio" I pazienti in ipnosi profonda non "regrediscono" ad un PRIMA, ma rimanendo in un ORA ETERNO evocano le loro vite che descrivono nel presente.

Non esistono quindi vite precedenti, ma vite sincroniche, altre esperienze esistenziali nascoste nell'inconscio e rievocabili con l'ipnosi evocativa.

 

Lo studio che abbiamo compiuto per cinque anni al Don Gnocchi di Milano ha verificato scientificamente importanti sincronicità già definite da Richeport  "othere selves".

 

Con ciò non nego nè la reincarnazione, nè il karma, nè le concezioni induiste o buddhiste che amo profondamente.

Ribadisco solo la non esistenza spirituale del tempo e la meravigliosa mia acquisizione di questo ETERNO ORA in cui tutto E', TUTTO E' UNO!.

Considero l'ipnosi evocativa una disciplina nata dalla mia intuizione, ma anche la vera continuazione della pratiprasavah dell'antica India: la strada della conoscenza del Sè, la via segreta dell'arcobaleno. la via che Socrate, il più grande ipnoterapeuta mai esistito praticava sapendo di non sapere.

Buona vita Angelo Bona

 

Ipnosi - Social networksYouTube - Immortality ChannelSeguici su FacebookIpnosi Regressiva su TwitterAngelo Bona su AnobiiInstagram
Iscriviti newsletter Ipnosi regressiva evocativa

Scarica GRATIS l'eBook inserendo la tua email:

 Autorizzo AIIRe a inviarmi via mail notizie in merito ad eventi, libri e novità. I tuoi dati verranno trattati nel rispetto della nostra Privacy policy

Una tecnica efficace per soggetti particolarmente difesi nei confronti di una trance spontanea

Ti interessano i Fiori di Bach?

Self Flower Test

Dipendi sentimentalmente da qualcuno? Scoprilo!

Zerbina Test

Vuoi sbrucarti da una relazione affettiva?

Sbrucking Test

Ti piace l'i ching?

L'Oracolo del bruco

Articoli e News

Swiss-Italian Antiaging Neuron Centre

(16/07/2017)

Sono felice di comunicarti che la mia collaborazione con il  Genoma Group, il laboratorio genetico romano più importante d’Europa e con il Labor Team, la...

>> Leggi tutte le news