Questo sito utilizza cookie al fine di migliorare i servizi offerti e l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare sul sito, accetti il loro utilizzo. Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy.  

LOGIN | REGISTRATI

Tutte le ipnosi in diretta

Elenco completo news

GLI ALESSITIMICI NON FANNO SESSO!

(12/02/2017)

Domanda. Salve vorrei sapere se l'ipnosi mi aiuterebbe a capire di preciso cosa provo per mii marito sono andata dalla psicologae ha detto che soffro del DOC...LA p...

Tutte le news e gli articoli

Confortante è la presenza di tante Anime in cammino. Orientiamo i nostri cuori verso questa consapevolezza e non ci sentiremo soli. Che la Madre ci prenda per mano come fratelli e sorelle. Siamo Uno.

(Manuela)

Tutti i garriti

I libri del Dr. Bona Il palpito dell’Uno, l’ipnosi regressiva e i colloqui con gli Spiriti Maestri

L'incontro del dottor Bona con un paziente, Davide, senza alcun problema psicologico, apre scenari insospettati sulla dimensione dell'anima. La trance ipnotica di questo paziente-non-paziente sfocia in territori oltre confine, ove altissime Guide Spirituali affrontano i grandi temi dell'umanità: l'Amore, la società contemporanea, la morte, la meditazione, il male, la malattia, il tempo.

Nel nome dell'Uno

«Parlare con un Angelo che affiora dalla trance é certamente un’esperienza mozzafiato, una comunicazione che va oltre le parole e che coinvolge ogni registro vibrazionale: la mente, l’anima e il cuore.» Così Angelo Bona, psicoterapeuta e anestesista, descrive le straordinarie esperienze di channeling di una sua nuova paziente “astronave” dell'Uno.

Il profumo dei fiori d’Acacia, l’ipnosi regressiva e la via del Samadhi

Lungo il cammino di ritorno a noi stessi, le vite assopite nel cuore si destano e raccontano un raggio di luce che conduce a Dio, seguendo l'essenza dell'uno: il profumo dei fiori d'acacia. L'esposizione di casi clinici reali e la loro attenta interpretazione si inseriscono in una sintesi unitaria, dove il nucleo simbolico dell'acacia rappresenta un'importante chiave di lettura.

Cerca la tua immortalità. L’ipnosi regressiva: una via per l’eternità.

Un resoconto emozionale che rievoca, accanto alle vite dei pazienti, le esperienze di vita dirette dell’autore, dalla sua nascita difficoltosa, durante la quale si trovò molto vicino alla morte fino alla scoperta di come l’ipnosi regressiva possa aiutare a riconoscere ferite appartenenti a esistenze precedenti, ricordi perduti nell’oceano dell’inconscio fondamentali per guarire dalle sofferenze della vita presente.

Tutti i libri del Dr. Bona

SERVIZIO DI TUTELA LEGALE SULL'IPNOSI dell'AIIRe

All'interno dell'A.I.I.Re è stato istituito un servizio di accoglimento dei casi in cui soggetti inconsapevoli dei rischi dell'ipnosi regressiva hanno subito danni, scompensi e plagi da parte di professionisti pseudo-qualificati o individui sedicenti ipnologi.

I praticanti selvaggi cercano di eludere la legge affermando che l'ipnosi e l'ipnosi regressiva sono innocue e non possono eliminare la COSCIENZA del soggetto e che lo stesso mantiene il proprio LIBERO ARBITRIO e la propria VOLONTÀ.

Ciò non è assolutamente vero. L'IPNOSI e L'IPNOSI REGRESSIVA possono condurre il soggetto ad una perdita dello stato di COSCIENZA e della VOLONTÀ e ciò e’ documentabile clinicamente dall'A.I.I.Re e dalla letteratura scientifica.

Inoltre, è risaputo che su soggetti psicotici scompensabili e su pazienti con disturbi di personalità, l’ipnosi può essere assolutamente controindicata e nociva.  

Pertanto le persone che hanno subito danni e plagi da parte di soggetti non abilitati all'esercizio dell'ipnosi e dell'ipnosi regressiva possono rivolgersi all'UFFICIO LEGALE DELL' A.I.I.Re in totale anonimato.
Potete inviarci un quesito a cui risponderà l'Avv. Andrea Turconi, scrivendo a:
ufficiolegaleaiire@ipnosiregressiva.it

 

 

IPNOSI REGRESSIVA, IPNOSI E LEGISLAZIONE IN ITALIA

"Trasmetto  a lei,  dott. Bona presidente dell'AIIRe un primo esito della ricerca condotta in merito alla possibilità di praticare l’ipnosi nello Stato italiano". Così mi scrive l'avvocato responsabile dello STUDIO LEGALE DELL'AIIRe.

L'avvocato informa:

Chi può praticare l'ipnosi  e l'ipnosi regressiva in Italia:
"Innanzitutto l’art. 728 del codice penale (Trattamento idoneo a sopprimere la coscienza o la volontà altrui) afferma che: “Chiunque pone taluno, col suo consenso, in stato di narcosi o d’ipnotismo,o esegue su lui un trattamento che ne sopprima la coscienza o la volontà,è punito, se dal fatto deriva pericolo per l’incolumità della persona, con l’arresto da uno a sei mesi o con l’ammenda da Euro 30,00 a 516,00. Tale disposizione non si applica se il fatto è commesso, a scopo scientifico o di cura, da chi esercita una professione sanitaria.”. Riguardo a questa prima disposizione normativa occorre fare due puntualizzazioni di estrema rilevanza:

  1. La punizione è prevista se “dal fatto deriva pericolo per l’incolumità della persona”, cioè: per potersi configurare la fattispecie di reato è necessario che il pericolo per l’incolumità della persona deve essere concreto e reale, inoltre deve riguardare l’integrità fisica o psichica, o la vita stessa;
  2. La fattispecie di reato non si configura qualora lo stato di ipnosi è indotto a scopo scientifico o di cura: a tal proposito la Corte di Cassazione ha precisato che “per fruire dell’esimente di cui al 2° co. Occorre l’abilitazione all’esercizio professionale dell’attività medico-chirurgica ed essere iscritti nel relativo albo”.

 

Cosa accade a chi disconosce l'articolo 728 del codice penale

Accade frequentemente che un paziente denunci un praticante senza titolo per esercizio abusivo della professione. Non ve ne parlo per creare del terrorismo, ma per avvisare gli impavidi di possibili gravi problemi giudico-penali. Se il "paziente" si sente danneggiato puo' con una denuncia creare gravi problemi a chi si avventura nella pratica  utilizzando l'ipnosi senza titoli riconosciuti di medico o psicoterapeuta. Vi lascio un link che dimostra la concreta pericolosità di un esercizio abusivo professionale. Fatelo leggere ai responsabili delle tante scuole di ipnosi che diplomano tutti garantendo loro un titolo. Cliccate QUI.

Cliccate QUI.

 

Per quanto concerne la possibilità di un medico straniero di esercitare l'ipnosi in Italia l'avv. dell'AIIRe risponde:

"Alla luce di quanto detto sembra ovvio che qualunque medico non abbia i requisiti necessari per poter praticare l’ipnosi in Italia e non sia iscritto nell’anagrafe della Federazione Nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (FNOMCeO) incorre in un reato penale.  Ciò significa che,  pur essendo il medico straniero riconosciuto nel suo paese d'origine, per esercitare in Italia deve ottenere il riconoscimento dei titoli abilitanti all’esercizio della professione in Italia, come richiesto dal D.P.R. 31/8/1999 n. 394, in particolare agli articoli 49 (Riconoscimento titoli abilitanti all’esercizio delle professioni) e 50 (Disposizioni particolari per gli esercenti le professioni sanitarie).


Aggravanti per il medico straniero non riconosciuto che pratica abusivamente in Italia

"Il medico straniero che dovesse venire in Italia e praticare l’ipnosi se non riconosciuto  incorrerebbe anche in un ulteriore reato previsto dall’art. 348 c.p.: Abusivo esercizio di una professione “Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da euro 103 a euro 516.”. A tal proposito sempre la Corte di Cassazione ha chiarito espressamente che : “è tale chi è sfornito del titolo richiesto (laurea, diploma) o non ha adempiuto alle formalità prescritte come condizione per l’esercizio della professione (es. iscrizione all’albo) o ne è stato sospeso o interdetto”.
Più recentemente, inoltre, la Corte di Cassazione nella Sentenza del 6 settembre 2007, n. 34200 ha chiarito che non ha importanza ai fini della configurabilità del reato che il paziente sia più o meno cosciente della carenza del titolo abilitativo".

 

Aggravanti per chi pratica l'ipnosi non essendo professionalmente formato:

"A ciò si aggiunga che la pratica dell’ipnosi da parte di un soggetto non professionalmente formato e qualificato, non procura semplicemente il pericolo di un danno all’integrità ma può aver già procurato danni reali, concreti, attuali e tanto gravi quanto più sono di difficile risoluzione. Qualora si rinvenissero casi di questo tipo si andrebbe a configurare una ulteriore fattispecie di reato di cui all’art. 582 c.p. Lesione personaleChiunque cagiona ad alcuno una lesione personale, dalla quale deriva una malattia nel corpo o nella mente, è punito con la reclusione da tre mesi a tre anni.”, con l’aggravante di cui all’ art. 583 c.p. Circostanze aggravanti “La lesione personale è grave e si applica la reclusione da tre a sette anni:
1)      se dal fatto deriva una malattia che metta in pericolo la vita della persona offesa, ovvero una malattia o un'incapacità di attendere alle ordinarie occupazioni per un tempo superiore ai quaranta giorni”.

 

Corsi  che garantiscono l'abilitazione professionale in ipnosi a soggetti non in possesso di una qualifica di medico iscritto all'albo dei medici chirurghi

Anche coloro che istigano all'esercizio della professione medica e dell'ipnosi persone non qualificate cadono nel reato di "abuso della credulità popolare, previsto dall'art. 661 del Codice penale. Moltissime "scuole", corsi, meeting vengono organizzati con l'intento di abilitare chiunque alla pratica clinica dell'ipnosi e ciò costituisce un reato. Naturalmente docenti e formatori poi si nascondono dietro un dito dicendo che non hanno garantito nessuna pratica terapeutica e che hanno educato gli alunni solo con un approccio culturale. Fate attenzione! Chi promette professioni sanitarie non legali e chi esercita abusivamente una terapia come l'ipnosi può incorrere in una condanna penale.

 

Cosa accade se lo stato ipnotico viene cammuffato  con un altro nome creativo:

"Relativamente ai vari modi di chiamare lo status del paziente ipnotizzato diversi da “status ipnotico”, bisogna puntualizzare che ciò che rileva ai fini della configurabilità di una fattispecie di reato è la sostanza e non la forma; pertanto se un soggetto è indotto in uno stato di trance ipnotica poco importa che a questo stato, o alla tecnica utilizzata per indurre tale stato, venga attribuito un nome diverso inventato in modo creativo per sfuggire alla  legislazione riguardante l'ipnosi. Tra gli psichiatri è risaputo che chi desidera, o si aspetta, di essere ipnotizzato è più pronto a soccombere ai procedimenti ipnotici. Il soggetto potrebbe anche non conoscere il significato della parola ipnosi, o che cosa si intende con ipnosi. È sufficiente che si aspetti di ricevere un particolare trattamento per rendersi pronto e disponibile al professionista e al procedimento che verrà applicato, ed è pronto ad accettare le indicazioni del professionista e le conseguenze o i risultati di quel trattamento. Si è scoperto che nell'ipnosi autoritaria, in cui il soggetto si assoggetta volontariamente e  più o meno coscientemente al dominio carismatico del professionista, lo stesso soggetto tenderà ad entrare prontamente in stato ipnotico anche se potrebbe non conoscere il nome tecnico del trattamento che sta ricevendo, o il fatto che è, o sta per entrare, in stato ipnotico".

 

Conclusioni in concordanza con i colleghi dell'AIIRe per gli Psicologi Psicoterapeuti

Da queste prime informazioni riguardanti la legislazione italiana in materia di ipnosi ed ipnosi regressiva si deduce che per esercitare l'ipnosi e l'ipnosi regressiva occorre  al momento essere medici abilitati. A nostro avviso e concordi con i collegghi psicologi psicoterapeuti dell'AIIRe ciò non ci appare giusto. Riteniamo che uno psicologo psicoterapeuta con una formazione di orientamento clinico-diagnostico possa avviarsi di diritto alla professione di ipnologo che oggi parrebbe a lui preclusa. Visto che al momento la legge italiana è molto drastica, l'AIIRe si propone e propone ai colleghi medici e psicologi psicoterapeuti di interagire  insieme per chiarire ruoli , limiti e competenze della professione di ipnologo. Quindi per l'AIIRe si a medici, ai medici psicoterapeuti, agli psicologi psicoterapeuti, ma un categorico no ai praticanti, agli improvvisati ed a coloro che  esercitano l'ipnosi e l'ipnosi regressiva senza un' idonea formazione universitaria e senza una corretta supervisione. Siamo a disposizione dei colleghi Psicologi Psicoterapeuti per richiedere al legislatore una modifica della attuale legge 728 che li vede esclusi dalla possibilità di esercitare legalmente l'ipnosi terapeutica in Italia. Per informazioni ai colleghi Psicologi Psicoterapeuti tel. Ufficio Legale Aiire 3279011694.

 

Perchè pretendiamo questa netta limitazione professionale

Estendendo la qualifica di ipnologo a chiunque, anche a coloro che sono  mancanti di una formazione universitaria di medicina o psicologia clinica, a coloro che vengono abilitati dopo training di pochi giorni e risibili master fine settimanali, espone tutta la categoria dei professionisti dell'ipnosi ad una pesante squalifica. L'ipnosi è uno strumento della psicoterapia, intendendo quest'ultima nella sua accezione prettamente spirituale derivante dalla radice greca psuchè: anima, spirito, soffio vitale. La terapia ipnotica non agisce sulla superficie del Sè, ma nel profondo della coscienza spirituale come una vera chirurgia dell'anima. Si presuppone che il metaforico bisturi venga tenuto in mano da operatore formato, abilitato e reso esperto da una attenta e scrupolosa supervisione.

 

L'ipnosi regressiva e l'ipnosi possono inibire la COSCIENZA DI VEGLIA e la VOLONTA' del soggetto

Non è per nulla vero che l'ipnosi e l'ipnosi regressiva tutelano sempre il soggetto dal perdere la propria coscienza e volontà durante il trattamento. Ai gradi più profondi di trance, ed al dodicesino stadio della Scala Stanford è riportata chiaramente in letteratura scientifica la possibilità del  paziente di manifestare  l'amnesia intra e post-ipnotica e cioè di perdere la COSCIENZA  e la VOLONTA'.

 

Un cavallo di battaglia di chi vorrebbe estendere a tutti l'esercizio dell'ipnosi e dell'ipnosi regressiva è l'innoquità della metodica

Non è assolutamente vero che l'ipnosi è innocua su tutti  i pazienti e occorre una diagnosi preventiva seria attuata da un medico o psicologo psicoterapeuta competente prima di accedere al trattamento, perché occorre escludere i soggetti che non sono idonei all’ipnosi regressiva. Le psicosi, i pazienti affetti da un quadro di depressione maggiore acuta a rischio suicidario , i cardiopatici,  i bambini, i preadolescenti, le donne gravide, le persone  affette da epilessia ed in terapia con farmaci anticonvulsivanti non devono essere, a nostro avviso, trattati. Quali rischi incombono su tali categorie? Un paziente psicotico potrebbe sviluppare una bouffée delirante, cioè scompensarsi con un deragliamento improvviso del normale stato di coscienza. I pazienti depressi con istinti suicidari, potrebbero reagire alla metodologia attuando i loro propositi autolesivi; i bambini e i preadolescenti non posseggono ancora una sufficiente stabilità nell'assetto della loro personalità e l’emozionale impatto dell’ipnosi regressiva potrebbe disorientarli. Ancora, la gravidanza è un tempo di rispetto e di amplificata sensibilità, un periodo ove forti emozioni sono da escludersi. Intendiamo dire che non è opportuno sottoporre donne incinte alla ipnosi regressiva per tutela del loro stato. Pensiamo che sia proficuo invece un corretto training ipnotico non regressivo di preparazione al parto. Per quanto riguarda l’induzione in ipnosi regressiva di pazienti portatori di focolai convulsivanti o in terapia con farmaci antiepilettici, crediamo ancora che ci si debba astenere dalle pratiche di ipnosi per non slatentizzare eventuali accessi.

 

Servizio di tutela etica e legale dell'AIIRe

Pertanto le persone che hanno subito danni e plagi sottoponendosi a ipnosi e ipnosi regressiva praticata da operatori non qualificati possono rivolgersi all'UFFICIO LEGALE DELL' AIIRe  telefonando al numero 327.9011694 e richiedere una consulenza legale. Cio' ha per l'Associazione Italiana Ipnosi Regressiva il fine di informare i pazienti sui limiti dell'ipnosi, sulla sua etica e di riportare anche legalmente la metodologia alla dignità terapeutica che le compete.

 

Buona Vita nella Vita,

Angelo Bona Presidente AIIRe
 

YouTube - Immortality ChannelSeguici su FacebookIpnosi Regressiva su TwitterAngelo Bona su AnobiiInstagram

Scarica GRATIS l'eBook inserendo la tua email:

 Autorizzo AIIRe a inviarmi via mail notizie in merito ad eventi, libri e novità. I tuoi dati verranno trattati nel rispetto della nostra Privacy policy

Una tecnica efficace per soggetti particolarmente difesi nei confronti di una trance spontanea

Ti interessano i Fiori di Bach?

Self Flower Test

Dipendi sentimentalmente da qualcuno? Scoprilo!

Zerbina Test

Vuoi sbrucarti da una relazione affettiva?

Sbrucking Test

Ti piace l'i ching?

L'Oracolo del bruco

Articoli e News

GLI ALESSITIMICI NON FANNO SESSO!

(12/02/2017)

Domanda. Salve vorrei sapere se l'ipnosi mi aiuterebbe a capire di preciso cosa provo per mii marito sono andata dalla psicologae ha detto che soffro del DOC...LA p...

>> Leggi tutte le news